Anche gli U.S.A. aprono i propri archivi Top Secret?

Aldilà di come la si possa pensare sugli UFO e gli omini verdi, grigi o blu, sta di fatto che da qualche tempo la lista delle nazioni che aprono i propri archivi Top Secret in materia si sta allungando e sembrerebbe che il prossimo a fare questo passo siano gli Stati Uniti,  rendendo pubblici i file sulla famigerata Area 51 e sugli Ufo.

La considerazione che mi sorge spontanea è che si, è vero alcune nazioni che hanno tolto il sigillo dai propri archivi, ma in realtà non hanno reso pubblico un bel niente, se non il fatto che esistono tali archivi e che di fatto sono state effettuate indagini e ricerche; ora il poter accedere ad una documentazione fortemente censurata e tra l’altro in copia, in cui, le pagine, se va bene sono per il 60% oscurate, non sembra affatto coerente col concetto ed il principio del rendere pubblico un documento.
Ho la sensazione che tutto questo “outing” rientri nell’ottica della strategia della “disinformatio” anche perché come è notorio, più alta e densa è la cortina fumogena e maggiore la capacità di nascondere ciò che ci sta dentro.

Comunque sia, sembrerebbe proprio che il 27 o il 17 novembre di quest’anno, non è ben chiaro, il Presidente Obama terrà una conferenza stampa mondiale in cui affronterà l’argomento, ovviamente sono tantissime le aspettative dei diversi “schieramenti” su quanto il Presidente dirà o non dirà,  aspettative che saranno deluse perché sono convinto che nonostante le conferme o le smentite circa la/le “materie” in questione le cose resteranno sostanzialmente inalterate.
Per i “credenti” scordatevi exploit cinematografici, con rivelazioni epocali così come per i “negazionisti”; da sempre vige il motto “divide et impera”, non solo in ambito strategico militare, ma anche e soprattutto in quello sociale.

Riprendendo la questione degli X-Files “rivelati”, da questi non sarà possibile estrapolare che ulteriori congetture ed ipotesi che amplificheranno ulteriormente la cortina fumogena sia sul fenomeno in generale che che sui singoli fascicoli.

Osservando tutta la faccenda e per faccenda mi riferisco all’apertura degli archivi con un’ottica pragmatica, emerge sostanzialmente che si tratta di una operazione di maquillage, le cose importanti resteranno comunque celate, per il semplice fatto che questo costituisce comunque un vantaggio sulle altre nazioni e se qualora vi fossero le prove provate di  “collaborazioni” a qualsiasi titolo e carattere con gli “altri” questo sicuramente avrebbe enormi ripercussioni sugli equilibri geo-politico-economici su scala mondiale con tutto quello che ovviamente ne conseguirebbe.

immagine originale:
http://antwrp.gsfc.nasa.gov/apod/ap090929.html
Penso che l’avere la certezza dell’esistenza di una o più civiltà extraterrestri, per la maggior parte della gente, poi non ha e non avrà un risvolto pratico, perlomeno nel prossimo futuro, (2 o 300 anni) nel senso che “l’alieno” non verrà a risolvere per noi i nostri problemi, siano essi esistenziali individuali che politico economici globali; chi si alza alle 5 del mattino per andare a lavoro continuerà a farlo alieni o no così come chi può permettersi il lusso di non avere un lavoro continuerà la propria vita.

Sicuramente il sapere che non siamo i soli in questo universo, qualche problema ad alcune “infrastrutture” umane lo creerebbe, ma da quei professionisti quali sono, sono certo che nell’evenienza abbiano già predisposto “procedure” per inserire in modo organico la loro posizione nel nuovo contesto.


[Fine stesura 09/11/2009]

Annunci

Informazioni su phoo34

Curioso, impertinente ed irriverente, prendere le cose di petto onde evitare malintesi; come per un buon vino, serietà ma con moderazione. Non uso più Skype/Messanger o similari per questioni di privacy!!! :-(
Questa voce è stata pubblicata in Civiltà scomparse, Life on Mars, Marte, Morale, Scienza di confine, Segreti, Teologia, Top Secret, Ufologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento, sarà moderato prima della pubblicazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...