Ufo o insetti su Marte?

Da quanto sappiamo di Marte,  esso risulta essere un pianeta essenzialmente desertico ed attualmente privo di forme di vita, almeno apparentemente; se pure in un lontano passato sembra che la vita su di esso abbia avuto una iniziale evoluzione per poi concludessi a seguito di uno o più eventi catastrofici, però c’è una immagine scattata dalla sonda Opportunity Mars Rover che però potrebbe confutare questi presupposti.

L‘immagine in questione è reperibile sul sito ufficiale della NASA all’indirizzo http://marsrover.nasa.gov/gallery/press/opportunity/20090122a.html.

Fonte immagine: http://marsrover.nasa.gov/gallery/press/opportunity/20090122a/site_B90_1614_navcam_CYP_L.jpg Come per l’intervento sul “Nereus Crater” anche per questa immagine applicherò lo stesso metodo di screening e se possibile trovare per quanto possibile una chiave di lettura ragionata e logica sulle evidenze della fotografia, è però doveroso evidenziare il fatto che l’immagine è in sostanza un mosaico di fotogrammi, ciò è da tenere in considerazione per l’aspetto temporale della sequenza degli scatti per diversi motivi che illustrerò più avanti.

Per prima cosa, l’area dell’immagine in questione è evidenziata dal riquadro giallo ed è in questa area che si possono osservare le cosiddette anomalie, come ho avuto modo di dire, l’analisi dell’immagine è effettuata mediante un programma di foto-ritocco non professionale.

Nell’ingrandimento dell’area ho riscontrato quattro “anomalie” e le ho evidenziate con A,B,C, D cerchiando il relativo particolare, ora è possibile che mediante un programma professionale si possano evidenziare ulteriori particolari anche in altre aree dell’immagine, lascio il compito ai volenterosi che dispongono di mezzi più sofisticati.

Osservando l’ingrandimento del particolare A, questo se osservato in un’ottica “biologica”, ricorda anche se vagamente la struttura ossea di una articolazione, indubbiamente affascinante tenendo in considerazione l’ipotesi di una evoluzione delle forme di vita primordiali marziane in forme di vita superiori tali da necessitare di un’endoscheletro.
In questa ottica sorge di conseguenza l’interrogativo di come questo ipotetico osso abbia potuto conservarsi così a lungo pur restando esposto alle “intemperie” marziane, fermo restando l’ipotesi di un osso antico di milioni di anni; diversamente si tratterebbe di qualcosa di molto, molto più recente.
Se invece si vuole osservare l’oggetto in un’ottica “tecnologica” conseguentemente la prospettiva dell’immagine e della forma che ne risulta, questa, assomiglia alla forma del calcio di un fucile; per certi versi questo fatto risulta essere inquietante ed al tempo stesso tranquillizzante, nel senso che, nonostante le diverse genesi  dall’homo sapiens, tutto sommato questi esseri non sono poi tanto diversi da noi e conoscendo le “peculiarità” dell’essere umano, non saprei se ciò possa essere un bene o un male.
Comunque, se di resto organico si trattasse, non sarebbe la prima volta che ci si imbatte in questa tipologia di reperto, in molte altre immagini è possibile osservare un qualcosa che per certi versi si avvicina a ciò che potrebbero essere resti organici, mi domando ancora una volta, come mai si enfatizzano e mettono in evidenza le foto ravvicinate di frammenti di roccia dalle diverse nature e questi particolari “oggetti” vengono scientemente ignorati, che forse la ricerca su Marte sia esclusivamente finalizzata alle ricerche mineralogiche al fine di trovare minerali preziosi e di conseguenza tutto quello che esula da questo obiettivo è automaticamente ignorato?

Prendiamo ora in esame gli ingrandimenti B e C, quanto è visibile è estremamente interessante; a prima vista si potrebbe pensare che gli oggetti ripresi siano effettivamente due, ma considerando che l’immagine completa è un mosaico di fotogrammi diversi e che tra uno scatto e l’altro intercorre del tempo, ecco qua che nel complesso dell’immagine ne appaiano due, ma sostanzialmente potrebbe essere lo stesso che nel frattempo si è spostato.

Caspita qualcosa che “svolazza” nei cieli di Marte!!!
La cosa diventa intrigante perché sarebbe la prima volta che si nota un qualcosa del genere, in prima istanza perché l’oggetto o gli oggetti son indiscutibilmente al di sopra della linea dell’orizzonte, pertanto è estremamente difficile che si possa trattare di un’illusione ottica dovuta alla prospettiva di ripresa e conseguente un gioco di ombre.

Credo che per comprendere di cosa possa trattarsi, sia opportuno escludere tutto quello che a rigor di logica non può essere; se l’immagine fosse riferita ad un fotogramma di una immagine scattata sulla terra, si potrebbe ipotizzare che quell’insignificante insieme di pixel siano in realtà degli uccelli, degli insetti, delle foglie trascinate dal vento, aerei in lontananza o perché no magari ufo, cosa per altro sarebbe comprensibile, essendo marziani dove dovrebbero “svolazzare” se non a casa loro?

Ironia a parte, considerando appunto l’ambiente marziano, escluderei da subito un ipotetico aereo, ed in seconda istanza anche eventuali foglie, visto e considerato che a quanto ci è dato osservare delle diverse immagini del pianeta rosso, non sono presenti alberi di qualsivoglia dimensione; pertanto, le ipotesi che restano in piedi sono eventuali uccelli, insetti, ed ufo.

Ora, non voglio assumere il ruolo di negazionista di possibili entità aliene che comunque potrebbero avere interessi specifici su Marte, ma mi interessa analizzare ipotesi alternative, trovare una possibile spiegazione, che avrebbe dei risvolti particolarmente interessanti sia sotto il profilo dell’esobiologia che delle reali condizioni dell’ambiente marziano.

Partiamo dall’ipotesi che si possa trattare di una sorta di animale volante, insetto o uccello che sia,  ebbene, al di la del sensazionalismo che tale affermazione susciterebbe, questo indicherebbe che per quanto critiche e difficili siano le condizioni ambientali di Marte, su di esso vi sono comunque le condizioni a finché la vita sia tuttora presente e di conseguenza non sarebbe un pianeta “morto”.

A sostegno di questa mia ipotesi, sta il particolare osservabile nell’ingrandimento marcato con la lettera D, in questo ingrandimento è possibile osservare una sorta di foro nella parete della duna di sabbia; questo foro nel terreno, assomiglia ad una tana simile a quelle che scavano alcuni animali che vivono nei deserti terrestri per ripararsi dagli eccessi degli sbalzi di temperature e trovare riparo da eventuali predatori.

Ipotizzo che si possa trattare di una tana, in quanto, nell’immagine o meglio nell’altro mosaico, sempre relativo allo stesso soggetto, questo “foro” è assente, come sono assenti gli “oggetti” volanti, l’indirizzo del mosaico in questione è: http://marsrover.nasa.gov/gallery/press/opportunity/20090122a/site_B90_1614_navcam_CYP_R.jpg.

In considerazione dei due differenti mosaici, non penso che il mosaico appena citato sia stato “censurato”, anzi credo che questo indichi le effettive differenze temporali tra i diversi fotogrammi, e mi spingo nell’immaginare una sequenza di avvenimenti in cui il rover si sia avvicinato alla tana e che l’essere che la occupava spaventato sia uscito volando via da una situazione di pericolo.

Sulla terra ci sono molti esempi di animali che vivono sotto la sabbia, alcune specie di pesci, i granchi, ragni, insetti, lucertole e mammiferi adottano in linea di massima uno stesso “stile” di vita conseguente alle specificità dell’habitat in cui vivono; ora ipotizzare una strategia di sopravvivenza analoga sul pianeta rosso da parte di una o più forme di vita è plausibile ed oltremodo date le condizioni ambientali estreme di Marte, forse l’unica strategia di sopravvivenza.

Ancora due considerazioni su queste immagini; sempre dal sito ufficiale della NASA, l’immagine è disponibile in versione 3D ed anche in questa è possibile osservare gli “oggetti volanti” anche se in meno definiti data la natura dell’immagine, inoltre, elaborando l’immagine impostando una saturazione al 50% come è possibile osservare si evidenziano delle “patch” pixellate in tonalità di verde.

Non so se queste pxellature sono la conseguenza di una alterazione in origine dell’immagine oppure conseguenti l’assemblaggio dei diversi fotogrammi nella composizione del mosaico o se è in realtà si tratti semplicemente un “bug” del programma che utilizzo, ma ritengo utile segnalare la cosa, nella eventualità che qualcuno riscontri lo stesso fenomeno utilizzando programmi professionali, in ogni caso sarei lieto se eventualmente me ne desse notizia.

Concludendo, anche dall’analisi di questa immagine, osservando quanto questa ci mostra, Marte racconta una storia diversa da quello che ci aspettiamo, ma probabilmente il racconto è solo all’inizio.

Di seguito do il link di riferimento del sito della NASA dove reperire le immagini per le vostre eventuali ricerche:
View from West of Victoria Crater, Sol 1664
http://marsrover.nasa.gov/gallery/press/opportunity/20090122a.html


[Fine stesura 25/11/2009]
Annunci

Informazioni su phoo34

Curioso, impertinente ed irriverente, prendere le cose di petto onde evitare malintesi; come per un buon vino, serietà ma con moderazione. Non uso più Skype/Messanger o similari per questioni di privacy!!! :-(
Questa voce è stata pubblicata in Bioingegneria, Civiltà scomparse, Life on Mars, Marte, Scienza di confine, Ufologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ufo o insetti su Marte?

  1. Deker ha detto:

    Sto leggendo gli articoli su marte e mi sorprendo di quello che si vede, possibile che altri ricercatori non si siano accorti di queste stranezze marziane, pensare che forme di vita esistano ancora oggi su marte è da film di fantascenza, il vedere che ci sono tracce concrete della loro presenza è sconvolgente e è strano che nessuno ne abbia mai fatto menzione visto che si tratta di fotografie ufficiali della NASA e ancora più strano che gli americani le anno rese pubbliche.

    [Nota]
    Precedente commento
    Modified by Alessio

Lascia un Commento, sarà moderato prima della pubblicazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...