Il teorema del complotto

Molto spesso anzi quasi sempre nelle domande è insita la risposta, l’unica cosa sensata è porsi la giusta domanda o semplicemente mettere l’interrogativo nella giusta prospettiva; se state leggendo questo intervento è perché siete interessati e vi ponete degli interrogativi su tutto quello che è strano e certamente l’ultima cosa in cui non voleste imbattervi sono le amenità più astruse, verniciate di verosimiglianza e supportate dall’immancabile teoria del complotto.
Che i complotti siano reali o presunti, è proprio quando si comincia ad insinuare l’idea della sua esistenza che si compie il primo passo in un labirinto di specchi a pareti mobili che cambiano di posizione ad ogni nuovo passo, il cui percorso porta inesorabilmente in un vortice vischioso che imprigiona il malcapitato allontanandolo sempre più dalla verità.
Ho suddiviso questo intervento in due parti, la prima, questa, che è propedeutica alla seconda reperibile in formato PDF nell’ area pubblica di SkyDrive con il nome “Ipotesi_di_complotto.pdf“; ho ritenuto opportuno dividere il documento in questione per diversi motivi, in primo luogo perché ritengo essenziale in una corretta comunicazione la capacità di sintesi e la chiarezza, in secondo luogo, perché nonostante lo sforzo di condensare concetti e principi si è rivelato piuttosto lungo per essere un intervento del blog ed in ultimo per rendere facoltativo l’approfondimento del tema.

In questo intervento voglio affrontare in modo pragmatico proprio la questione del complotto e nello specifico, analizzare anche se sommariamente quali meccanismi e strutture si rendano necessarie all’impianto cospirativo; si badi bene che questo non è e non vuole essere il vademecum del piccolo cospiratore, l’intento è quello di fornire una chiave di lettura o se si preferisce un filtro analitico per l’interpretazione di un qualcosa che quasi sempre viene tirata in ballo quando si affrontano temi ed argomenti di un certo tipo, spesso per paludarne la comprensione e mistificarne il senso e le prospettive.

In definitiva il complotto non è altro che la forma più raffinata ed evoluta del prendere qualcosa a qualcuno ed in sintesi estrema, la truffa o se volete, il raggiro allo stato dell’arte.
La differenza sostanziale che però distingue una cospirazione da una classica truffa essenzialmente risiede nel fatto che gli ideatori svolgono un ruolo attivo e ne sono coinvolti in prima persona, mentre nella cospirazione, gli artefici operano sempre nel “backstage” e comunque il loro coinvolgimento non ha alcun tipo di riscontro ne mai sarà possibile ricondurre direttamente costoro alle loro responsabilità nella cospirazione.

Affronto questo tema anche perché ormai è diventato di comune uso gridare al complotto,  per avere il polso della consuetudine, basti guardare per una decina di minuti una qualsiasi trasmissione televisiva a carattere politico o un telegiornale che l’immancabile politico parli di cospirazioni e complotti a danno del suo schieramento e/o dei propri leader e l’avversario che nega strenuamente la sussistenza del fatto sviando di fatto l’argomento su questioni d’altro tipo.
Non è certo mia intenzione parlare di politica ne dei complotti veri o presunti a danno di quello o quell’altro schieramento, voglio evidenziare il fatto, in relazione a quanto detto prima, che il metodo è funzionale esclusivamente ad allontanare dalla verità, qualunque essa sia e qualsiasi campo ne sia interessato; ritengo e spero che la disamina di questo argomento possa essere di supporto alla comprensione del fenomeno, soprattutto per inquadrare meglio un qualcosa che per chi “naviga” nel mare della così detta paranormalità, (soprattutto) ufologia compresa, dove il complotto è il leitmotiv di sottofondo.

Nella specificità del paranormale, capita spesso di imbattersi in articoli e post relativi ad eventi insoliti ed a seconda dell’impostazione editoriale, immancabilmente, si presentano i “crociati” che fideisticamente espongono il proprio pensiero assoluto; per mia natura diffido di coloro che “possiedono la verità”, non perché non sia la loro verità, ma ne diffido per diverse ragioni, fondamentalmente perché tutto ciò che è interpretabile può avere una molteplicità di letture a più livelli e di conseguenza le conclusioni possono essere diametralmente opposte, poi, perché la storia è piena di esempi di chi portatore della verità assoluta, col senno di poi, si è rivelato per colui che portato a commettere le atrocità e le nefandezze più vergognose; aggiungo una considerazione filosofico-fisica sulla verità che ne evidenzia la struttura poliedrica, ritengo che la verità sia come un arcobaleno, mille persone possono ammirare lo stesso arcobaleno, ma per ognuna di loro,  il medesimo arcobaleno ad uno osservazione attenta ed accurata risulterà diverso, pertanto nessuno potrà mai vedere la stessa cosa, daltonici inclusi.


La mia pervicacia contro i fautori della teoria della cospirazione, soprattutto per quanto riguarda gli ufo, gli alieni, le tecnologie ecc. ecc. è sostanzialmente conseguente il fatto che complotto reale o meno, costoro svolgono oggettivamente un’azione di sostegno e concorrono alle azioni di depistaggio, debunking, e disinformazione del complotto stesso, facendo si che emerga tutt’altro che la verità, come illustrato nel documento PDF, queste figure sono contemplate nell’impianto cospirativo, indipendentemente che ne siano consapevoli, risultano con il loro concorso esterno una risorsa dell’impianto stesso; con questo non intendo sostenere che si debba ignorare la questione facendo finta di niente, assolutamente no, però come detto all’inizio si rischia di entrare in un vortice che allontana dalla verità.
Tenendo presente questi aspetti, per evitate da una parte di perdersi nella ricerca della verità e dall’altra di diventare strumento e fonte della cospirazione, occorre ponderare il giusto rilievo delle evidenze ed inquadrarle in un contesto generale ignoto, un po come si verificherebbe nel ricostruire un puzzle di cui si ignora l’immagine finale; con l’aggiunta della difficoltà che i tasselli attigui sono apparentemente incongruenti l’un l’altro mentre quelli che potrebbero avere una certa congruenza  mostrano una immagine fuorviante e non attinente con il quadro complessivo.


[Fine stesura 16/02/2010]
Annunci

Informazioni su phoo34

Curioso, impertinente ed irriverente, prendere le cose di petto onde evitare malintesi; come per un buon vino, serietà ma con moderazione. Non uso più Skype/Messanger o similari per questioni di privacy!!! :-(
Questa voce è stata pubblicata in Etica, Segreti, Top Secret, Ufologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento, sarà moderato prima della pubblicazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...