L’incidente della foresta di Rendlesham

Il tema di questo intervento riguarda, “l’incidente” verificatosi nella foresta di Rendlesham, un bosco situato nelle immediate vicinanze della base R.A.F. di Woodbridge, in ambito ufologico questi avvenimenti possono essere paragonabili per spessore e rilevanza all’incidente di Rowell verificatosi nel New Mexico nel 1947 e che poi rappresentò di fatto l’evento primo dell’ufologia; nonostante le rilevanze e lo spessore degli specifici avvenimenti, per quanto riguarda ciò che accadde nella contea è che di fatto e dalle rilevanze non vi fu un ufo crash, ma in linea indiziaria più propriamente di un “ufo landing” anche se per certi versi risulterebbe essere stato un atterraggio un po turbolento.
Le evidenze o prove, come comunemente vengono chiamate, di quegli eventi sono molteplici dai tracciati radar, tracce e segni sugli alberi, impronte e segni sul terreno, inusuali tracce radioattive dell’area, registrazioni audio ed inoltre data la particolarità dell’area i testimoni oculari dei fatti che si ripeterono per due o tre giorni, furono dozzine e nella maggior parte di militari della RAF e dell’USAF d’istanza nella base, quindi con un grado di “credibilità” maggiore rispetto un qualunque altro testimone, detto questo è più che evidente che gli eventi di Suffolk siano accaduti realmente e non frutto del racconto di qualcuno che ha esagerato nella frequentazione di Pub.

Come mia indole, cerco di comprendere meglio ciò che si è verificato e sempre con il mio cipiglio impertinente evidenziare quelle che, ovviamente a mio sindacabile giudizio, trovo incongruenze, stonature o comunque qualcosa che sembra essere in qualche modo elemento “disturbante” del quadro complessivo.
Dunque, assunto che i fatti sono accaduti, gli interpreti principali di questi eventi sono il sergente James Penniston e gli avieri John Burroughs ed un altro che avrebbe espresso la volontà di non essere coinvolto in questa questione e per questo anche se il nome di quest’ultimo è nota ne ometto la citazione in rispetto delle volontà espresse, il colonnello Ted Conrad e i componenti del plotone che lo accompagno nella verifica sul campo.

La ribalta di questo evento ha acquisito un maggiore rilievo in ambito ufologico quando dopo molti anni dagli avvenimenti verificatisi nel Regno Unito, il sergente Penniston ha voluto rendere pubblico ciò che accadde a lui ed ai suoi uomini, nel suo racconto riferisce che avvicinandosi all’insolito oggetto a osservato che sulla superficie di questo erano riportati dei disegni o più precisamente qualcosa che ricordava dei geroglifici; mi permetto di fare una precisazione di carattere linguistico-interpretativo rispetto il termine di geroglifico, presumo che quando usa il termine, sia riferito alla forma espressiva ideogrammi-ca dei geroglifici e non alla simbologia egizia vera e propria cui si fa risalire il termine geroglifico, comunque oltre a riportare questi particolari, il sergente racconta di aver toccato l’oggetto e che dopo il contatto la sua mente fu invasa dall’immagine di zero ed uno, questa esperienza divenne qualcosa di ossessivo e che tenne segreto onde evitare che questo fatto potesse incidere sulla sua carriera, ma che comunque volle trascrivere su un taccuino presumendo che potesse trattarsi di qualcosa di importante; per quanto riguarda ciò che accadde all’aviere Burroughs, viene riferito che questi non ricorda pressoché nulla se non quello di aver perso i sensi e di aver sperimentato qualcosa che si potrebbe definire “missing time”, per quanto riguarda l’esperienza del secondo aviere, non se ne sa nulla proprio in funzione del fatto che ne volle restare escluso.

Probabilmente l’esperienza di quest’ultimo personaggio doveva essere ben più cospicua rispetto quella vissuta dal sergente e come è nella prassi delle strutture statunitensi rispetto questi argomenti, l’aviere fu sicuramente convinto al serbare il segreto, comunque sia, tornado al sergente Penniston molti anni dopo, mostrò il taccuino, qui va fatto un inciso, perché tra i vari programmi in cui si è parlato di questa storia, ci sono discrepanze rispetto a chi il sergente lo mostrò, in alcuni si asserisce che il taccuino fu mostrato ad un esperto informatico, mentre in altri il sergente lo avrebbe mostrato al suo ex subalterno Burroughs in una rimpatriata; comunque a parte questa discrepanza, come è possibile che seppure nell’immediatezza dell’esperienza il sergente non avesse compreso che si trattava di un “codice informatico”, è vero negli anni ’80 i primi personal computer erano disponibili per pochi (l’Apple II) e comunque il codice binario era materia più da universitari ed addetti ai lavori che non al grande pubblico, ma quando l’informatica diventò un elemento comunemente noto?
Possibile che il sergente non riuscì a fare il collegamento con il contenuto del suo taccuino con il linguaggio che si può definire globale e perché?
Potrebbe essere che gli fosse “ installato blocco psichico” indotto dai presunti occupanti del velivolo alieno, oppure ci potrebbe essere un’ulteriore spiegazione?

Come ho detto per certe cose penso occorra essere impertinenti a volte anche in modo eccessivo tanto da sfiorare anche l’irriverenza; quindi per dare delle risposte, occorre fare delle ipotesi; prima ipotesi, il messaggio che il sergente ha in un certo modo “intercettato” faceva parte di una “comunicazione interna” tra alieni e quindi l’incapacità di relazionare la serie di zero ed uno a quello che è il codice binario fa parte della “sicurezza” del messaggio stesso e quindi anche le parti incomprensibili o incomplete della comunicazione rientrano in questa sicurezza.
La seconda ipotesi è decisamente, diciamo più cattiva e maligna, dico questo perché nella specificità del messaggio, trovo alcune stranezze, mi spiego meglio, il messaggio intercettato dal sergente, perlomeno quanto ha trascritto sul taccuino, sarebbe di fatto un codice binario, fino a qui va tutto bene e potrebbe essere plausibile che tramite il contatto con il vascello alieno, si sia potuta stabilire una connessione anomala tra i sistemi di comunicazione dell’astronave con “il sistema informatico biologico” del sergente, però, mi domando del perché gli eventuali alieni pur usando un sistema a codifica binaria, dovessero esprimersi in inglese?

Nella tabella sottostante riporto tre versioni di un breve testo in italiano, inglese e spagnolo del medesimo testo, convertito in codice binario, anche se a prima vista sembrano uguali, nella sostanza e nella relativa disposizione di 0 e 1 sono differenti.

Italiano English Español
Questo è un testo in italiano convertito in binario This is a text in English converted into binary Este es un texto en español convertida en binario
01010001 01110101 01100101 01110011 01110100 01101111 00100000 11000011 10101000 00100000 01110101 01101110 00100000 01110100 01100101 01110011 01110100 01101111 00100000 01101001 01101110 00100000 01101001 01110100 01100001 01101100 01101001 01100001 01101110 01101111 00100000 01100011 01101111 01101110 01110110 01100101 01110010 01110100 01101001 01110100 01101111 00100000 01101001 01101110 00100000 01100010 01101001 01101110 01100001 01110010 01101001 01101111 01010100 01101000 01101001 01110011 00100000 01101001 01110011 00100000 01100001 01101110 00100000 01000101 01101110 01100111 01101100 01101001 01110011 01101000 00100000 01110100 01100101 01111000 01110100 00100000 01100011 01101111 01101110 01110110 01100101 01110010 01110100 01100101 01100100 00100000 01110100 01101111 00100000 01100010 01101001 01101110 01100001 01110010 01111001 01000101 01110011 01110100 01100101 00100000 01100101 01110011 00100000 01110101 01101110 00100000 01110100 01100101 01111000 01110100 01101111 00100000 01100101 01101110 00100000 01100101 01110011 01110000 01100001 11000011 10110001 01101111 01101100 00100000 01100011 01101111 01101110 01110110 01100101 01110010 01110100 01101001 01100100 01100001 00100000 01100101 01101110 00100000 01100010 01101001 01101110 01100001 01110010 01101001 01101111

Dunque la domanda che torno a ripetere è perché mai quegli alieni avrebbero comunicato tra loro in inglese e non in un’altra lingua non terrestre?
La cosa risulta alquanto curiosa ed apre la porta a svariate interpretazioni e teorie interessanti che comunque restano teoriche e che nella realtà del presente possono essere fuorvianti, comunque tenendo sempre presente i principi di Occam, (A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire) pur non escludendo la possibilità e la validità delle altre ipotesi, emergerebbe che nella sostanza il presunto messaggio sarebbe di fatto un’ulteriore elemento “distrattivo” per distogliere l’attenzione da quello che realmente è accaduto nel Suffolk nel 1980.

A rendere più plausibile la cortina fumogena sarebbero i riferimenti geografici contenuti nel messaggio che oltremodo farebbero riferimento ad un’area geografica in cui si sarebbe trovata una mitica isola denominata Hi Brazil, da non confondere con il Brasile, comunque stando a quanto si vocifera su quest’isola, si potrebbe anche presupporre che l’isola in questione possa essere anche la mitica Avalon della saga di Re Artù e che guarda cado sarebbe localizzata anch’essa ad occidente delle isole britanniche.
Anche per questo particolare, trovo qualcosa di insolito, da quanto si vocifera gli alieni userebbero un sistema di misure differente da quello terrestre, alcuni ipotizzano che sia molto simile se non identico al Sistema sessagesimale in “voga” al tempo dei babilonesi e dunque le coordinate indicate o quantomeno esposte nel messaggio avrebbero dovuto essere riferite al sistema alieno e non terrestre.

Ora tutte queste definiamole incongruenze, inevitabilmente gettano un ombra di sospetto e di depistaggio sull’intera questione che tra l’altro il folclore su questa vicenda è alimentato anche da nuove e decisamente inaspettate rivelazioni, secondo cui ultimamente nella zona dell’atterraggio sarebbe stato rinvenuto un piccolo manufatto alieno cilindrico su cui è trascritto del codice binario.
Pur nella plausibilità di questo manufatto alieno, mi domando se questo rinvenimento sia effettivamente plausibile, visto lo strettissimo protocollo impiegato dalle autorità militari nelle questioni di ufo e più specificatamente di ufo crash, è possibile che nel setacciare l’area i cosi detti man in black, si siano lasciati sfuggire un’evidenza anche se di piccole dimensioni è macroscopica?
Anche per questo particolare comincio a sentire uno strano odore, comunque non voglio certo fare il “bastian cuntrari” a tutti i costi, però anche nell’ipotesi che il presunto manufatto alieno sia stato lasciato in tempi recenti dai visitatori, considerando la particolarità dell’area, risulta strano che le autorità militari non lo abbiano intercettato per prime e comunque, in virtù di interessi e scopi superiori non lo abbiano di fatto sequestrato e messo a tacere i fortunati/sfortunati scopritori.

Che i fatti verificatisi nella foresta di Rendlesham si siano verificati è testimoniato dalle prove tangibili e da riscontri difficilmente confutabili, per quanto è effettivamente accaduto, come sempre per quanto riguarda il fenomeno ufo, incontri del 2°, 3° 4° e 5° tipo bhé resta solo un “buco che si può riempire” con qualunque cosa.

Come sempre i riferimenti:

http://www.uk-ufo.org/condign/rendsec.htm
http://www.mod.uk/linked_files/publications/foi/ufo/ufofilepart1.pdf
http://www.ufoevidence.org/cases/case279.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Incidente_della_foresta_di_Rendlesham
http://digitalseance.wordpress.com/2011/06/24/alien-artefact-discovered-in-rendlesham-forest/
http://home.paulschou.net/tools/xlate/


Fine stesura 8 marzo 2014

Annunci

Informazioni su phoo34

Curioso, impertinente ed irriverente, prendere le cose di petto onde evitare malintesi; come per un buon vino, serietà ma con moderazione. Non uso più Skype/Messanger o similari per questioni di privacy!!! :-(
Questa voce è stata pubblicata in Alieni, Archeologia marina, Civiltà scomparse, Cosmologia, geomagnetismo, Ingegneria navale, Invenzioni, Life on Mars, Marina militare, Marte, planetologia, Rettiliani, scie chimiche, Scienza di confine, Segreti, Sicurezza informatica, Teologia, Top Secret, Ufologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento, sarà moderato prima della pubblicazione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...